Sito non ufficiale

Studi scientifici

L’olivo: la pianta più studiata al mondo

L’olivo è la pianta più studiata al mondo. Esistono oltre 16.500 ricerche e studi scientifici che accertano le proprietà delle molecole presenti nelle sue foglie.

L’Università di Trieste ha certificato che nell’infuso di foglie d’olivo ci sono le 5 molecole antiossidanti più efficaci presenti in natura: Oleuropeina, Acido Elenolico, Rutina, Tirosolo, Idrossitirosolo.

Vediamo alcune ricerche scientifiche sulle foglie d’olivo presenti sul sito ufficiale EvergreenLife

Elenco studi scientifici

Studio circa il meccanismo dell’azione antimicrobica dell’oleuropeina
Autori:
Juven B, Henis Y, Jacoby B
Istituto:
Divisione di Tecnica Alimentare, Istituto Volcani di Ricerche Agricole, Rehovot, Israele Anno: 1972

Valutazione comparativa degli effetti antibatterici ed antiparassitari di alcuni composti fenolici delle foglie di olivo
Autori:
Aziz NH, Farag S, Mousa L, Abo Zaid
Istituto: Centro Nazionale di Ricerca Radioattiva e Tecnologica, Nasr City, Cairo
Anno:
1998

Attività antimicrobica dell’oleuropeina e dell’idrossitirosolo misurate in vitro
Autori:
Bisignano G, Tomaino A, Lo Cascio R, Crisafi G, Uccella N, Saija A
Istituto: Reparto Farmaco Biologico dell’Università degli Studi di Messina
Anno:
1999

Attività antimicotica dell’oleuropeina misurata in vitro
Autori:
Furieri P, Marino A, Saija A, Uccella N, Bisignano G
Istituto:
Reparto di Scienze Microbiologiche e Ginecologiche, Università degli Studi Catania
Anno:
2002

Attività antibatterica delle foglie di olivo misurata in vitro
Autori:
Markin D, Duek L, Berdicevsky I
Istituto: Reparto di Microbiologia, Facoltà di Medicina Rappaport, Technion, Istituto di Tecnologia, Haifa, Israele.
Anno:
2003

Attività contro HIV virus dell’ estratto di foglie di olivo Autori: Bao J, Zhang DW, Zhang JZ, Huang PL, Lee-Huang S
Istituto: Facoltà di Chimica, Università di New York, New York USA.
Anno:
2007

Meccanismo degli effetti antivirali dell’idrossitirosolo sui virus dell’influenza A compreso H1N1, H3N2, H5N1, H9N2 e sottotipi
Autori:
Yamada K, Ogawa H, Hara A, Yoshida Y, Yonezawa Y, Karibe K, Nghia VB, Yoshimura Yamamoto Y, Yamata M, Nakamura K, Imai K,
Istituto:
Università di Agricoltura e Medicina, Obihiro, Hokkaido, Giappone
Anno:
2009 Luglio.

Oleuropeina, valutazione in vitro ed in vivo delle proprietà antiossidanti A
utori:
Speroni E, Guerra MC, Minghetti A, Crespi-Perellino N, Pasini P, Piazza F Roda A
Istituto: Facolta di Farmacia dell’Università degli Studi di Bologna
Anno:
1998

Proprietà di spazzare i radicali liberi propria dei polifenoli dell’olivo
Autori:
Visioli F, Bellomo G, Galli C
Istituto:
Facoltà di Scienze Biomedicinali dell’Università degli Studi di Torino, Novara
Anno:
1998

Potenziale Antiossidante/Anticancro dei composti fenolici isolati dall’olivo
Autori:
Owen RW, Giocosa A, Hull WE, Haubner R, Spiegelhalder B, Bartsch H
Istituto:
Divisione di Tossicologia, Centro di Ricerca sul cancro Heidelberg Germani
Anno: 2000

Attività antiossidante dei polifenoli estratti dalle Foglie di Olivo
Autori:
Benavente Garcia O, Castello J, Ortuno A, Del Rio JA
Istituto: Reparta Ricerca Sviluppo, Furfural Espanol SA, Alicante, Murcia, Spagna
Anno:
2000

Analisi quali/quantitativa delle proprietà antiossidanti di differenti polifenoli estratti dalle foglie d’olivo
Autori: P Pinelli, C Galardi, N Mulinacci, FF Vincieri, M Tattini, A Romani
Istituti: Dipartimento delle Scienze Farmaceutiche Università degli Studi Firenze; Istituto sulla Propagazione delle Specie Legnose CNR, Scandicci, Firenze. Questa ricerca è stata sponsorizzata da MURST (Ministero Ricerca Scientifica e Tecnologica) e da CNR (Consiglio Nazionale Ricerche)
Anno:
2000

Infusi di Foglie di Olivo: Proprietà Antiossidanti
Autori:
Briante R, Patumi M, Terenziani S, Bismuto E, Febbraio F, Nucci R.
Istituto: Enzimologia del CNR, Napoli Fonte: Journal of Agricultural and Food Chemistry
Anno:
2002

Attività Cardiovascolare degli Estratti da Giovani Germogli e Foglie di Olivo
Autori
: C Circosta, F Occhiuto, A Gregorio, S toigo, A De Pasquale
Istituto: Dipartimento Farmaco Biologico Università degli Studi Messina
Anno
: 1990

Gli Effetti Vasodilatatori delle Foglie di Olivo
Autori
: Zarzuelo, Durante J, Jimenez J, Gonzalez M, Utrilla MP
Istituto: Dipartimento di Farmacologia, Facoltà di Farmacia, Università di Granada Spagna
Anno
: 1991

Ipotensione Arteriosa, Ipoglicemia e Ipouricemia riscontrate dopo ripetute somministrazioni di infusi acquosi di Foglie di Olivo
Autori
: Fehri B, Aiache JM, Memmi A, ed altri
Istituto: Département de Pharmacologie et de Toxicologie, Société des Industries Pharmacologique de Tunisie, Fondouk Choucha, Radès.
Anno
: 1994

Analisi Clinica dell’utilizzo degli Estratti Acquosi di Foglie di Olivo nella cura dell’Ipertensione Arteriosa
Autori: Cherif S, Rahal N, Haouala M, Hizaoui B, Dargouth F, Guedicche M, Kallel Z, Balansard G, Boukef K
Istituto
: Reparto di Cardiologia Ospedale Militare di Tunisi
Anno
: 1996

L’Oleuropeina previene le Lesioni del Miocardio indotte da Ischemia
Autori: Manna C, Migliardi V, Gollino P, SCognamiglio A, Galletti P, Chiariello M, Zoppia V.
Istituto: Reparto di Biochimica e Biofisica F. Cetrangolo, Facoltà di Medicina seconda Università degli Studi di Napoli
Anno
: 2004

L’integrazione alimentare con estratto di foglie di olivo (Olea europea L.) riduce la pressione sanguigna nei gemelli monozigoti ipertesi
Autori
 : Perrinjaquet-Moccetti T1, Busjahn A, Schmidlin C, Schmidt A, Bradl B, Aydogan C.
Fonte : Phytotherapy Research
Anno : 2008

Estratto di foglia d’Olivo come ipoglicemizzante sia in soggetti umani diabetici e nei ratti 
Autori
 : Wainstein J, Ganz T, Boaz M, Bar Dayan Y, Dolev E, Kerem Z, Madar Z.
Istituto : Diabete Unità, E. Wolfson Medical Center, Holon, Israele.
Fonte:
Journal of Medicinal Food
Anno
: 2012

Estratto foglie di olivo migliora il profilo lipidico aterogeno in ratti alimentati con una dieta con colesterolo alto
Autori
: Olmez E, Vural K, Gok S, Ozturk Z, Kayalar H, Ayhan S, Var A
Istituti: Celal Bayar University, Faculty of Medicine, Department of Medical Pharmacology, Manisa, Turkey; Izmir Ataturk Research Hospital, Department of Clinical Pharmacology and Toxicology, Izmir, Turkey; Ege University, Faculty of Pharmacy, Department of Pharmacognosy, Izmir, Turkey; Celal Bayar University, Faculty of Medicine, Department of Pathology, Manisa, Turkey; Celal Bayar University, Faculty of Medicine, Deparment of Medical Biochemistry, Manisa, Turkey.
Fonte
: Phytotherapy Research
Anno: 2015

Effetto dell’Estratto di Foglie d’Olivo sul livello di glucosio nei ratti con Diabete-indotto: una revisione sistematica e meta-analisi
Autori
: Hamzeh Abunab, Wireen Leila Dator, Sana Hawamdeh
Istituti: School of Nursing, Saint Louis University, Baguio City, Philippines, – Scientific Research Unit, College of Nursing, Princess Nourah Bint Abdulrahman University, Riyadh, Kingdom of Saudi Arabia
Fonte
: Journal of Diabetes
Anno
: 2016

ARTICOLI, SPERIMENTAZIONI, TEST E REVISIONI

Uno degli studi più completi e meglio sintetizzati a livello medico-scientifico sugli effetti delle foglie di olivo sull’organismo umano è quello pubblicato nel 2014 sul Internal Journal of Molecular Science:
“Effetti del polifenolo oleuropeina, derivato dall’olivo, sulla salute umana”

Ci sono poi numerosissimi altri studi più specifici volti a dimostrare che gli effetti benefici delle foglie di ulivo sono davvero molteplici.

Vediamone alcuni:

Titolo: Progresso della ricerca sulle attività biologiche dell'estratto di foglie di Olivo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2016

Abstract: L'olio di olivo (Olea europaea) è una delle parti più importanti del "modello dietetico mediterraneo" e molte evidenze epidemiologiche hanno dimostrato che con la dieta mediterranea le persone hanno una minore morbilità delle malattie del sistema cardiovascolare, del cancro della pelle e del colon. I benefici per la salute di una dieta mediterranea non sono solo attribuiti agli acidi grassi monoinsaturi e alle vitamine e altri nutrienti nell'olio di O. europaea, ma anche ai composti fenolici con effetto antiossidante. Gli studi hanno dimostrato che la foglia di O. europaea contiene molta più attività antiossidante rispetto alla frutta, e l'oleuropeina, i flavonoidi come i polifenoli sono i principali ingredienti attivi nella foglia di olivo (O. europaea). Una piccola quantità di O. europaea è stata introdotta in Cina nel 1956, dopo esser stata ampiamente coltivata in Fujian, Guangdong, Taiwan, Sichuan, Shaanxi, Yunnan e Longnan, nella provincia di Gansu, che è la più grande area di piantagioni di ulivi (O. Europaea) nel paese. Ogni potatura invernale di O. europaea produrrà un gran numero di foglie, che potrebbero essere prodotti ad alto valore aggiunto (composti fenolici) di ricca fonte. Questo articolo, fatto consultando la letteratura in patria e all'estero, ha classificato e riassunto lo stato della ricerca sull'attività biologica dell'estratto di foglie di olivo (O. europaea) e dei possibili meccanismi, tra cui antimicrobico, antitumorale, antiossidante, sulla funzione del cervello, sistema cardiovascolare, anti-diabete , antinfiammatorio, analgesico e così via. Allo stesso tempo ha guardato avanti alle prospettive di sviluppo dell'estratto di foglie di O. europaea che ha varietà e alto contenuto di principi attivi e sinergia antiossidante, che forniscono una base teorica per l'ulteriore sviluppo e utilizzo della foglia di ulivo (O. europaea). L'estratto di foglie di O. europaea ha una fonte economica e  numerosa e una buona biodisponibilità, che gli ha fornito un ampio spazio nell'applicazione delle cure mediche e sanitarie.


Titolo: Assorbimento umano e metabolismo dell'oleuropeina e dell'idrossitirosolo ingeriti come estratto di foglie di ulivo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2013

Abstract: I composti fenolici derivati ​​dalla pianta di ulivo (Olea europaea L.), in particolare l'idrossitirosolo e l'oleuropeina, hanno molti effetti benefici in vitro. Le foglie di olivo sono la fonte più ricca di composti fenolici dell'olivo e l'estratto di foglie di olivo (OLE) è ora un nutraceutico popolare preso sia come liquido che come capsule. Per quantificare la biodisponibilità e il metabolismo di oleuropeina e idrossitirosolo assunto come OLE, nove volontari (cinque maschi) di età compresa tra 42,8 ± 7,4 anni sono stati randomizzati a ricevere OLE capsulato o liquido in dose singola inferiore (51,1 mg di oleuropeina, 9,7 mg di idrossitirosolo) o superiore (76,6 mg di oleuropeina, 14,5 mg di idrossitirosolo), e quindi la dose opposta (ma stessa formulazione) una settimana dopo. Campioni di plasma e urine sono stati raccolti a intervalli fissi per 24 ore dopo l'ingestione. Il contenuto fenolico è stato analizzato da LC-ESI-MS / MS. I metaboliti coniugati di idrossitirosolo erano i metaboliti primari recuperati nel plasma e nelle urine dopo l'ingestione di OLE. Le concentrazioni di picco di oleuropeina nel plasma erano maggiori dopo l'ingestione di liquido rispetto alle preparazioni in capsule (0,47 versus 2,74 ng / ml; p = 0,004), ma non si osservava tale effetto per le concentrazioni di picco di idrossitirosolo coniugato (solfatato e glucuronato) (p = 0.94). Tuttavia, quest'ultimo picco è stato raggiunto prima con la forma liquida (93 contro 64 minuti, p = 0,031). C'è stato un effetto dovuto al genere sulla biodisponibilità dei composti fenolici, con i maschi che mostrano una maggiore area plasmatica sotto la curva per l'idrossitirosolo coniugato (11.600 versus 2550 ng / mL; p = 0.048). Tutti i metaboliti coniugati di idrossitirosolo sono stati recuperati nelle urine entro 8 ore. C'era un'ampia variazione interindividuale. L'OLE trasporta efficacemente i metaboliti di oleuropeina e idrossitriolo nel plasma umano.


Titolo: Foglie di olivo: potenziali effetti benefici sulla salute umana

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2009

Abstract: Le foglie di olivo (Olea europaea L.) sono state ampiamente utilizzate nei rimedi tradizionali in paesi europei e mediterranei come Grecia, Spagna, Italia, Francia, Turchia, Israele, Marocco e Tunisia. Sono stati utilizzati nella dieta umana come un estratto, una tisana e una polvere e contengono molti composti potenzialmente bioattivi che possono avere proprietà antiossidanti, antiaterogeni, antiipertensive, antinfiammatorie, ipoglicemizzanti e ipocolesterolemizzanti. Uno di questi composti potenzialmente bioattivi è l'oleuropeina, che può costituire fino al 6-9% della sostanza secca nelle foglie. Altri componenti bioattivi presenti nelle foglie di ulivo includono secoiridoidi, flavonoidi e triterpeni correlati. Le prove a supporto degli effetti potenzialmente benefici delle foglie di ulivo sulla salute umana sono presentate in questo studio condotto dal Dipartimento di Ingegneria Alimentare, Sezione Alimentazione, Ege University di Izmir, Turchia.


Titolo: Benefici dei polifenoli della foglia di olivo (Olea Europaea) per la salute umana

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2014

Abstract: I composti fenolici presenti nelle foglie di olivo, in particolare l’oleuropeina, sono associati ad attività antiossidante, antiipertensiva, ipoglicemizzante, ipocolesterolemica e cardioprotettiva. Inoltre, gli studi associano l’oleuropeina ad un effetto antinfiammatorio nel trauma del midollo osseo e come supporto nel trattamento dell’obesità.

Titolo: L'estratto secco di foglie di olivo contrasta la genotossicità indotta da L-tiroxina nei leucociti del sangue

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2015

Abstract: Gli ormoni tiroidei modificano il tasso del metabolismo basale, modulando il consumo di ossigeno e causando la produzione di specie reattive dell'ossigeno, che porta allo sviluppo dello stress ossidativo e delle rotture del filamento del DNA. La foglia di oliva (Olea europaea L.) contiene molti composti potenzialmente bioattivi, che la rendono uno dei più potenti antiossidanti naturali. L'obiettivo di questo studio era di valutare la genotossicità della L-tiroxina e di studiare il potenziale antiossidante e antigenotossico dell'estratto di olivo secco (DOLE) standard ricco di oleuropeina contro il perossido di idrogeno e il danno al DNA indotto da L-tiroxina nei leucociti del sangue periferico umano utilizzando il test della cometa. Varie concentrazioni dell'estratto sono state testate con entrambi gli induttori del danno del DNA, in due diverse condizioni sperimentali, pretrattamento e post trattamento. I risultati indicano che la L-tiroxina ha mostrato effetti genotossici e che DOLE ha mostrato un effetto protettivo contro la genotossicità indotta da tiroxina. Il numero di cellule con danno al DNA è stato significativamente ridotto, sia in campioni pretrattati che post trattati (P ​​<0,05). Confrontando l'effetto benefico di tutte le concentrazioni testate di DOLE, in entrambi i protocolli sperimentali, sembra che l'estratto fosse più efficace nel ridurre il danno al DNA nel pretrattamento, esibendo un ruolo protettivo contro l'effetto L-tiroxina. Questa caratteristica di DOLE può essere spiegata dalla sua capacità di agire come potente scavenger di radicali liberi.

Titolo: Effetti ipolipemizzanti e antiossidanti dell’idrossitirosolo e del suo derivato triacetilato recuperati dalle foglie di olivo in ratti alimentati con colesterolo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2017

Abstract: La presente revisione sistematica ha analizzato statisticamente studi randomizzati e controllati sull’estratto di foglie di olivo (OLE) per l'efficacia nella gestione dei livelli di glucosio nei ratti diabetici.

Sono stati usati ratti Wistar nutriti con una dieta standard da laboratorio o con una dieta ricca di colesterolo per 16 settimane. Sono stati esaminati i livelli sierici dei lipidi, il livello delle sostanze reattive agli acidi tiobarbiturici (TBARS), come indicatore della perossidazione lipidica e l’attività della superossido dismutasi (SOD) e quella della catalasi (CAT). La dieta ricca di colesterolo ha indotto ipercolesterolemia che si è manifestata nell’elevazione del colesterolo totale (TC), dei trigliceridi (TG) e del colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL-C). La somministrazione di idrossitirosolo e idrossitirosolo triacetilato (3 mg/kg di peso corporeo) ha ridotto i livelli sierici di TC, TG, e LDL-C in modo significativo e aumentato il livello sierico di colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL-C). Inoltre, il contenuto di TBAR nel fegato, nel cuore, nei reni e nell’aorta diminuiva significativamente quando l’idrossitirosolo e i suoi derivati ​​triacetilati venivano somministrati per via orale ai ratti rispetto a quelli alimentati con una dieta ricca di colesterolo. Inoltre, l’idrossitirosolo triacetilato e l’idrossitirosolo hanno aumentato le attività di CAT e SOD nel fegato. Questi risultati hanno suggerito che l’effetto ipolipidemico dell’idrossitirosolo triacetilato e dell’idrossitirosolo potrebbe essere dovuto alla loro capacità di abbassare i livelli sierici di TC, TG e LDL-C e alle loro attività antiossidanti che impediscono il processo di perossidazione lipidica.

L'estratto di foglie di olivo è benefico sia per il profilo lipidico che per il controllo glicemico nei ratti indotti al diabete e può essere altrettanto efficace tra gli esseri umani.

Titolo: L'estratto di foglie di olivo attenua l'obesità nei topi nutriti con dieta ricca di grassi, modulando l'espressione delle molecole coinvolte nell'adipogenesi e nella termogenesi.

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2014

Abstract: Il presente studio ha lo scopo di indagare se l'estratto di foglie di olivo (OLE) previene l'obesità indotta da una dieta ricca di grassi (HFD) nei topi e di esplorare i meccanismi sottostanti. I topi sono stati divisi casualmente in gruppi che hanno ricevuto una dieta a base di chow (CD), HFD o dieta con supplemento di OLE allo 0,15% (OLD) per 8 settimane. Topi alimentati con OLD hanno mostrato un significativo minore aumento del peso corporeo , dei  pesi viscerali del grasso corporeo e dei livelli plasmatici di lipidi rispetto ai topi alimentati con HFD. OLE ha significativamente invertito la sovra regolazione indotta da HFD delle molecole di segnalazione mediata da galanina e WNT10b e dei principali geni adipogenici (PPAR γ, C / EBP α, CD36, FAS e leptina) nel tessuto adiposo dell'epididimo dei topi alimentati con HFD. Inoltre, la downregolazione indotta da HFD dei geni termogenici coinvolti nella respirazione disgiunta (SIRT1, PGC1 α e UCP1) e la biogenesi mitocondriale (TFAM, NRF-1 e COX2) è stata significativamente invertita da OLE. Questi risultati suggeriscono che l’estratto di foglie di olivo esercita effetti benefici contro l'obesità regolando l'espressione di geni coinvolti nell'adipogenesi e nella termogenesi nel tessuto adiposo viscerale dei topi alimentati con una dieta ricca di grassi.

Titolo: L’estratto di foglie d’olivo attenua i cambiamenti cardiaci, epatici e metabolici su ratti alimentati con alti contenuti di carboidrati e grassi

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2010

Abstract: L'olio d'oliva, un componente importante della dieta mediterranea, produce effetti cardioprotettivi, probabilmente dovuti sia all'acido oleico che ai polifenoli come l'oleuropeina e l'idrossitirosolo. Lo scopo di questo studio era di valutare se un estratto ricco di polifenoli delle foglie di olivo con l'oleuropeina come componente principale attenuasse i segni cardiovascolari, epatici e metabolici di una dieta ricca di carboidrati e ricca di grassi (HCHF) (carboidrati, 52%, grassi, 24%, fruttosio 25% nell'acqua potabile) nei ratti. Ratti maschi Wistar sono stati alimentati con una dieta di amido di mais (CS) o una dieta HCHF per un totale di 16 settimane. Le diete dei gruppi di trattamento [CS + estratto di foglie di olivo (OLE) e HCHF + OLE] sono state integrate con il 3% di OLE per 8 settimane, dopo 8 settimane di alimentazione di diete CS o HCHF. Dopo 16 settimane, i ratti HCHF hanno sviluppato segni di sindrome metabolica, tra cui elevata deposizione di grasso addominale ed epatico, deposizione di collagene nel cuore e nel fegato, rigidità cardiaca e marcatori di stress ossidativo (plasma malondialdeide e concentrazioni di acido urico), con ridotta reattività dell'anello aortico, anormale profilo lipidico plasmatico, ridotta tolleranza al glucosio e ipertensione. Rispetto ai ratti HCHF, quelli del gruppo HCHF + OLE avevano segni cardiovascolari, epatici e metabolici migliorati o normalizzati, ad eccezione dell'elevata pressione sanguigna. Questi risultati suggeriscono fortemente che un OLE contenente polifenoli come l'oleuropeina e l'idrossitirosolo inverta l'infiammazione cronica e lo stress ossidativo che induce i sintomi cardiovascolari, epatici e metabolici in questo modello di obesità e diabete indotto dalla dieta, senza modificare la pressione sanguigna.

Titolo: Gli estratti di foglie di olivo sono una fonte naturale di inibitori avanzati del prodotto finale della glicazione.

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2013

Abstract: I prodotti finali di glicazione avanzata (AGE), che sono facilmente formati e accumulati con iperglicemia sostenuta, contribuiscono allo sviluppo delle complicanze diabetiche. Di conseguenza, l'inibizione della formazione di AGE costituisce un obiettivo terapeutico / preventivo interessante. Nel presente studio, abbiamo esplorato la composizione fitochimica e l'effetto in vitro di due diversi estratti di foglie di olivo (un acquoso e un metanolico) sulla formazione di AGE. Il profilo fitochimico è stato studiato con una matrice di diodi a cromatografia liquida-ultravioletta-visibile (UV-Vis) accoppiata a spettrometria di massa multistadio a ionizzazione elettrospray (LC / DAD / ESI-MS (n)). La quantificazione dei principali composti fenolici è stata eseguita con cromatografia liquida ad alte prestazioni con rivelazione di array di diodi UV-Vis e spettroscopia di risonanza magnetica nucleare. Tra i principali componenti fenolici (luteolina, idrossitirosolo, luteolina-4'-O-β-D-glucopiranoside, luteolina-7-O-β-D-glucopiranoside e oleuropeina), luteolina e luteolina-4'-O-β- D-glucopiranoside è stato assegnato come potenti inibitori della formazione di AGE. La procedura di estrazione influisce notevolmente sulla composizione e quindi sul potenziale anti-glicazione delle foglie di ulivo.

Titolo: I polifenoli delle foglie di olivo migliorano la sensibilità all'insulina negli uomini di mezza età in sovrappeso

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2013

Conclusioni studio: L’assunzione di polifenoli delle foglie di ulivo per 12 settimane ha migliorato significativamente la sensibilità all'insulina e la capacità secretoria delle cellule beta pancreatiche negli uomini di mezza età in sovrappeso a rischio di sviluppare la sindrome metabolica.

L’estratto di foglie di olivo (Olea Europaea) attenua il dolore neuropatico diabetico precoce attraverso la prevenzione dell’apoptosi indotta da glucosio, studi in vitro e in vivo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2011

Abstract: Sono stati utilizzati i danni cellulari elevati indotti da glucosio nelle cellule di feocromocitoma (PC12) trattate con NGF e nei ratti diabetici indotti da streptozotocina. Per accedere alla soglia nocicettiva è stato utilizzato il test del colpo di coda. La vitalità cellulare è stata determinata dal dosaggio MTT. I marcatori biochimici dell’apoptosi neurale sono stati valutati mediante immunoblotting. Abbiamo trovato che l’innalzamento del glucosio (4 volte del normale) aumenta sequenzialmente il danno cellulare funzionale e l’attivazione della caspasi-3 nelle cellule PC12 trattate con NGF. L’incubazione di cellule con OLE (200, 400 e 600 μg/ml) ha ridotto il danno cellulare. Inoltre, i ratti diabetici sviluppavano un dolore neuropatico che era evidente dalla ridotta latenza del colpo di coda (iperalgesia termica). Il rapporto di caspasi 3 e Bax/Bcl2 attivato era significativamente aumentato nel midollo spinale degli animali diabetici. Trattamento OLE (300 e 500 mg/kg al giorno) iperalgesia migliorata, inibizione dell’attivazione della caspasi 3 e riduzione del rapporto Bax/Bcl2. Inoltre, OLE ha mostrato una potente capacità di scavenging dei radicali liberi DPPH. Conclusione: I risultati suggeriscono che l’estratto di foglie di olivo inibisce il danno neurale indotto dal glucosio e sopprime l’iperalgesia termica indotta dal diabete. I meccanismi di questi effetti possono essere dovuti, almeno in parte, a ridurre l’apoptosi neuronale e suggerire il potenziale terapeutico dell’estratto di foglie di olivo nell’attenuazione del dolore neuropatico diabetico.

Titolo: L’estratto di foglie d’olivo attenua i cambiamenti cardiaci, epatici e metabolici su ratti alimentati con alti contenuti di carboidrati e grassi

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2010

Abstract: L'olio d'oliva, un componente importante della dieta mediterranea, produce effetti cardioprotettivi, probabilmente dovuti sia all'acido oleico che ai polifenoli come l'oleuropeina e l'idrossitirosolo. Lo scopo di questo studio era di valutare se un estratto ricco di polifenoli delle foglie di olivo con l'oleuropeina come componente principale attenuasse i segni cardiovascolari, epatici e metabolici di una dieta ricca di carboidrati e ricca di grassi (HCHF) (carboidrati, 52%, grassi, 24%, fruttosio 25% nell'acqua potabile) nei ratti. Ratti maschi Wistar sono stati alimentati con una dieta di amido di mais (CS) o una dieta HCHF per un totale di 16 settimane. Le diete dei gruppi di trattamento [CS + estratto di foglie di olivo (OLE) e HCHF + OLE] sono state integrate con il 3% di OLE per 8 settimane, dopo 8 settimane di alimentazione di diete CS o HCHF. Dopo 16 settimane, i ratti HCHF hanno sviluppato segni di sindrome metabolica, tra cui elevata deposizione di grasso addominale ed epatico, deposizione di collagene nel cuore e nel fegato, rigidità cardiaca e marcatori di stress ossidativo (plasma malondialdeide e concentrazioni di acido urico), con ridotta reattività dell'anello aortico, anormale profilo lipidico plasmatico, ridotta tolleranza al glucosio e ipertensione. Rispetto ai ratti HCHF, quelli del gruppo HCHF + OLE avevano segni cardiovascolari, epatici e metabolici migliorati o normalizzati, ad eccezione dell'elevata pressione sanguigna. Questi risultati suggeriscono fortemente che un OLE contenente polifenoli come l'oleuropeina e l'idrossitirosolo inverta l'infiammazione cronica e lo stress ossidativo che induce i sintomi cardiovascolari, epatici e metabolici in questo modello di obesità e diabete indotto dalla dieta, senza modificare la pressione sanguigna.

Titolo: L’inibizione dell’apoptosi delle cellule PC12 indotta da 6-idrossidopamina da parte dell’estratto di foglie di olivo (Olea Europaea) viene effettuata dal suo componente principale, l’oleuropeina

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2013

Abstract: Tuttavia, alcuni prodotti naturali a base di erbe hanno dimostrato di salvare i neuroni dalla morte e dall’apoptosi in alcune malattie neurodegenerative. Non solo l’olio d’oliva Olea Europaea, ma anche le foglie di questa pianta sono state utilizzate per scopi medici. L’estratto di foglie di olivo (OLE) viene utilizzato dalle persone come bevanda in tutto il mondo e come ingrediente integrale del loro desiderio di mantenere e migliorare la loro salute. Qui, abbiamo studiato gli effetti di OLE e la sua principale componente fenolica oleuropeina indotta sulla tossicità 6-idrossidopamina (6-OHDA) nelle cellule di feocromocitoma surrenale del ratto (PC12) come un modello in vitro di PD. Il danno cellulare è stato indotto da 150 μM 6-OHDA. Il tasso di sopravvivenza cellulare è stato esaminato dal dosaggio MTT. La generazione di specie reattive dell’ossigeno reattivo (ROS) è stata studiata utilizzando la spettrofotometria a fluorescenza. Test immunoblot e analisi del DNA sono stati impiegati anche per determinare i livelli dei marcatori biochimici dell’apoptosi nelle cellule. I dati hanno mostrato che il 6-OHDA potrebbe diminuire la vitalità delle cellule. Inoltre, il ROS intracellulare, la caspasi 3 attivata, il rapporto Bax/Bcl-2 e la frammentazione del DNA erano significativamente aumentati nelle cellule trattate con 6-OHDA. L’incubazione di cellule con OLE (400 e 600 μg/mL) e l’oleuropeina (20 e 25 μg/mL) potrebbero diminuire il danno cellulare e ridurre i marcatori biochimici della morte cellulare. I risultati suggeriscono che OLE e l’oleuropeina hanno effetti protettivi anti-ossidanti contro il danno delle cellule PC12 indotte da 6-OHDA.

Titolo: L'estratto di foglie di ulivo e molti dei suoi fenoli isolati inibiscono l'enzima xanth ossidasi correlato alla gotta

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2011

Abstract: In questo studio in vitro, le misurazioni cinetiche sono state eseguite su un estratto etilico all’80% di etanolo (v/v) di Olea Europaea (OLE) e su nove dei suoi costituenti fenolici tipici al fine di indagarne i possibili effetti inibitori sull’ossidasi xantina (XO), un enzima ben noto per contribuire in modo significativo a questo processo patologico. Le analisi di Dixon e Lineweaver-Burk sono state utilizzate per determinare i valori di K(i) e la modalità di inibizione per i fenoli isolati, che sono stati analizzati da RP-HPLC per la standardizzazione di OLE. L’OLE standardizzato e alcuni dei fenoli testati hanno significativamente inibito l’attività di XO. Tra questi, il flavone aglicone apigenina ha mostrato di gran lunga l’effetto più forte su XO con un valore K(i) pari a 0,52 μM. In confronto, il noto inibitore XO sintetico allopurinolo, usato come standard di riferimento, ha mostrato un K(i) di 7,3 μM. Sebbene l’oleuropeina secolareide fenolica, l’ingrediente principale dell’estratto (24,8%), avesse un valore K(i) considerevolmente più alto di 53,0 μM, mostrava ancora una significativa inibizione di XO. Inoltre, acido caffeico (K(i) di 11,5 μM, 1,89% dell’estratto), luteolina-7-O-β-D-glucoside (K(i) di 15,0 μM, 0,86%) e luteolina (K(i) di 2,9 μM, 0,086%) ha anche contribuito in modo significativo all’effetto di inibizione XO di OLE. Per l’oleuropeina è stata trovata una modalità di inibizione competitiva, mentre tutte le altre sostanze attive hanno mostrato una modalità mista di inibizione. Tirosolo, idrossitirosolo, verbascoside e l’apigenina-7-O-β-D-glucoside, che costituiscono lo 0,3% dell’estratto, erano inattivi in ​​tutte le concentrazioni testate. Per quanto riguarda l’effetto farmacologico in vitro dell’apigenina-7-O-β-D-glucoside, si deve considerare che esso viene trasformato nell’aglicone attivo dell’apigenina nel corpo dei mammiferi, contribuendo così in modo sostanziale all’attività anti-gotta delle foglie dell’olivo. Per la prima volta, questo studio fornisce una base razionale per l’uso tradizionale delle foglie di olivo contro la gotta nella medicina popolare mediterranea.

Titolo: Proprietà immunomodulatorie dell’estratto di foglie di olivo nell’infiammazione intestinale

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2017

Abstract: Gli effetti antinfiammatori dell’estratto di foglie di olivo sono stati studiati in due modelli di colite di topi. Sono stati studiati anche gli effetti immunomodulatori dell’estratto di foglie di olivo in diversi tipi di cellule e nelle colture di organi ex vivo di esplosioni mucose di donatori sani e pazienti con malattia di Crohn (CD). L’estratto ha mostrato effetti in entrambi i modelli di colite che riducono l’espressione dei mediatori proinfiammatori e migliorano l’integrità dell’epitelio intestinale. Questi effetti sono stati confermati in vitro. Inoltre, ha ridotto la produzione di mediatori proinfiammatori nei campioni di mucose intestinali da pazienti con CD. Conclusione: L’estratto di foglie di olivo presentava un’attività antiinfiammatoria intestinale nei modelli di topi con colite, forse legata alle sue proprietà immunomodulatorie e alla capacità di ripristinare la barriera epiteliale intestinale. Inoltre, l’estratto potrebbe anche regolare l’attività delle cellule coinvolte nella risposta infiammatoria.

Titolo: Potenziale antimelanoma multiplo dell'estratto secco di foglie di olivo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2011

Abstract: Vari componenti dell'olivo (Olea europaea) sono stati tradizionalmente utilizzati nel trattamento di infezioni, infiammazioni, prevenzione di malattie croniche, disturbi cardiovascolari e cancro. Il potenziale antitumorale dell'estratto secco di foglie di olivo (DOLE) rappresenta l'effetto netto delle interazioni multilivello tra diversi composti biologicamente attivi dell'estratto, delle cellule cancerose e della terapia convenzionale. In questo contesto, era di interesse primario valutare l'influenza di DOLE sulla progressione del tipo altamente maligno, immuno- e chemioresistente del melanoma-cancro della pelle. DOLE ha significativamente inibito la proliferazione e successivamente limitato la clonogenicità della linea cellulare di melanoma murino B16 in vitro. Inoltre, il trattamento del tumore in fase tardiva con DOLE ha ridotto significativamente il volume del tumore in un ceppo singenico di topi. Le cellule B16 trattate con DOLE sono state bloccate nella fase G (0) / G (1) del ciclo cellulare, sono state sottoposte ad apoptosi precoce e sono morte per necrosi tardiva. A livello molecolare, il processo di morte è iniziato come dipendente dalla caspasi, ma è stato completato come caspasi indipendente. In concordanza, sono state osservate sovraespressione di membri antiapoptotici della famiglia Bcl-2, Bcl-2 e Bcl-XL e ridotta espressione dei loro antagonisti naturali, Bim e p53. Nonostante la soppressione molecolare del processo proapoptotico, DOLE ha promosso con successo la morte cellulare principalmente attraverso l'interruzione dell'integrità della membrana cellulare e la frammentazione ritardata della caspasi di materiale genetico. Presi insieme, i risultati di questo studio indicano che DOLE possiede un forte potenziale antimelanoma. Quando DOLE è stato applicato in combinazione con diversi chemioterapici, sono stati osservati vari risultati, tra cui la sinergia e l'antagonismo. Ciò richiede cautela nell'uso dell'estratto come antitumorale terapeutico supplementare.


Titolo: Attività antiossidante e componenti chimici come potenziali agenti antitumorali nel decotto di foglie di olivo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2014

Abstract: Le foglie di olivo sono ricche di componenti fenolici, proposte per svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro. Lo scopo di questo studio è stato quello di identificare i componenti principali delle foglie di Olea Europaea conservati durante la preparazione del decotto, al fine di delineare le attività antiossidanti degli estratti grezzi e dei suoi composti isolati utilizzando diversi saggi in vitro compresa la capacità di radical scavenging DPPH, capacità antiossidante totale (TAC), effetto inibitore della xantina ossidasi (XO) e capacità di ritardare il processo di perossidazione dell’acido linoleico (ALP). Il decotto acquoso è stato suddiviso ottenendo quattro estratti e l’estratto di n-butanolo ha mostrato la più alta attività antiossidante e il più alto contenuto fenolico totale. L’indagine fitochimica porta all’isolamento di tredici metaboliti secondari tra cui semplici fenoli, flavonoidi, secoiridoidi le cui strutture sono state chiarite da dati spettroscopici (1D e 2D NMR) e tecniche spettrometriche. Un significativo effetto di scavenging dei radicali liberi contro DPPH è stato evidenziato in fraxamoside (1) (EC50 62,6 μM) e taxifolina (5) (EC50 50,0 μM), isolato per la prima volta dal decotto acquoso. Il composto più attivo nella valutazione TAC era il 3,4 diidro-fenil glicole (8) (0,90 di acido caffeico equiv.) mentre taxifolina e fraxamoside sono risultati come gli inibitori più efficienti dell’attività di XO (IC50 2.7 e 5.2 μM, rispettivamente). Secoxyloganin (4), oleuropeina (2) e tirosolo (6) hanno mostrato la più alta attività di ALP. Questo studio si aggiunge al crescente numero di dati che supportano la bioattività dei fitocomposti e il loro potenziale impatto sulla salute umana.


Titolo: Phytochemicals in estratti di foglie di olivo e la loro attività anti proliferativa contro il cancro e le cellule endoteliali

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2009

Abstract: I composti dell'olio d'oliva sono un'area di ricerca dinamica poiché la dieta mediterranea ha dimostrato di proteggere dalle malattie cardiovascolari e dal cancro. Le foglie di olivo, un materiale naturale facilmente disponibile di basso costo, condividono possibilmente una simile ricchezza di salute a beneficio dei fitochimici bioattivi. In questo lavoro, abbiamo studiato la potenza antiossidante e l'attività antiproliferativa contro il cancro e le cellule endoteliali di acqua e gli estratti di foglie di olivo del metanolo e ne abbiamo analizzato il contenuto in sostanze fitochimiche usando le tecniche trattate con LC-MS e LC-UV-SPE-NMR. Estratti grezzi di foglie di olivo sono stati trovati per inibire la proliferazione cellulare dell'adenocarcinoma mammario umano (MCF-7), del carcinoma della vescica urinaria umana (T-24) e del cervello capillare endoteliale bovino (BBCE). Il composto dominante degli estratti era l'oleuropeina; sono stati anche identificati fenoli e flavonoidi. Questi fitochimici hanno dimostrato una forte efficacia antiossidante e hanno inibito il cancro e la proliferazione delle cellule endoteliali a basse concentrazioni micromolari, il che è significativo considerando la loro elevata abbondanza in frutta e verdura. L'attività antiproliferativa di estratti grezzi e sostanze fitochimiche contro le linee cellulari utilizzate è dimostrata per la prima volta in questo studio.


Titolo: Prova a sostegno dell'effetto anti-cancro dell'estratto di foglie di olivo e direzioni future

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2016

Abstract: La dieta mediterranea tradizionale (MD) è associata a una lunga vita e una minore presenza di malattie cardiovascolari e tumori. I componenti principali di questa dieta includono un elevato apporto di frutta, verdura, vino rosso, olio extravergine di olive e pesce, un basso consumo di latticini e carne rossa. L'olio d'oliva ha ottenuto il sostegno come fattore chiave di benefici per la salute e vi sono prove che questo si riferisce al contenuto di polifenoli. L'estratto di foglie di olivo (OLE) contiene una maggiore quantità e varietà di polifenoli rispetto a quelli che si trovano nell’olio extravergine di oliva. Esistono inoltre importanti differenze strutturali tra i polifenoli delle foglie di ulivo e quelli dei frutti di ulivo, che possono aumentare la capacità di OLE di migliorare i risultati dei benefici. È stato affermato che i polifenoli dell’olivo svolgono un ruolo protettivo importante nel cancro e in altre malattie legate all'infiammazione. Entrambi i modelli di cellule infiammatorie e tumorali hanno dimostrato che i polifenoli delle foglie di olivo sono antinfiammatori e proteggono dal danno al DNA provocato dai radicali liberi. Le varie proprietà bioattive dei polifenoli delle foglie di olivo sono una spiegazione plausibile per l'inibizione della progressione e dello sviluppo dei tumori. A causa della struttura simile dei polifenoli dell'olivo agli estrogeni, sono state ipotizzate utili per interagire con i recettori degli estrogeni, riducendo così la prevalenza e la progressione dei tumori correlati agli ormoni. La prova dell'effetto protettivo dei polifenoli dell'olivo per il cancro negli esseri umani rimane aneddotica e sono necessari studi clinici per confermare l'idea di queste affermazioni. Questa revisione mira a fondere l'attuale letteratura sulla biodisponibilità e sui meccanismi coinvolti nella potenziale azione antitumorale dei polifenoli delle foglie di ulivo.

Titolo: Fenoli vegetali come stimoli antibiotici: Interazione in vitro di fenoli foglia di oliva con ampicillina

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2016

Abstract: Le proprietà antimicrobiche dell'estratto di foglie di olivo (OLE) sono state ben riconosciute nella medicina tradizionale mediterranea. Poche ricerche hanno studiato le proprietà antimicrobiche di OLE. In questo studio preliminare, l’OLE commerciale e i suoi principali metaboliti secondari fenolici sono stati valutati in vitro per le loro attività antimicrobiche nei confronti di Escherichia coli e Staphylococcus aureus, sia singolarmente che in combinazione con ampicillina. Oltre alla luteolina 7-O-glucoside, l’OLE e i suoi principali metaboliti secondari fenolici erano efficaci contro entrambi i batteri, con più attività su S. aureus. In combinazione con ampicillina, OLE, acido caffeico, verbascoside e oleuropeina hanno mostrato effetti additivi. Interazione sinergica è stata osservata tra ampicillina e idrossitirosolo. Sono stati studiati anche la composizione fenolica di OLE e la stabilità dei fenoli di oliva per mezzo di analisi. Mentre l’OLE ei suoi metaboliti secondari fenolici potrebbero non essere abbastanza potenti come antimicrobici stand-alone, le loro capacità di potenziare l’attività di antibiotici somministrati in co-somministrazione costituiscono un’area di ricerca futura imperativa.


Titolo: Attività antimicrobica in vitro delle foglie di olivo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2003

Abstract: Abbiamo studiato gli effetti antimicrobici delle foglie di olivo contro batteri e funghi. I microrganismi testati sono stati inoculati in varie concentrazioni di estratto di foglie d’olivo. L’estratto di foglie di olivo 0,6% (p/v) ha ucciso quasi tutti i batteri testati, entro 3 ore. I dermatofiti sono stati inibiti dall’1,25% (p/v) di estratto vegetale dopo un’esposizione di 3 giorni mentre la Candida albicans è stata uccisa dopo un’incubazione di 24 ore in presenza di un estratto di pianta del 15% (p/v). Le frazioni di estratto di foglie d’olivo, ottenute per dialisi, che mostravano attività antimicrobica consistevano in particelle più piccole di 1000 valori di taglio molecolare. Le osservazioni al microscopio elettronico a scansione di Candida albicans, esposte al 40% (p/v) di foglie di olivo, hanno mostrato cellule invaginate e amorfe. Cellule di Escherichia coli, sottoposte a un trattamento simile ma esposte solo allo 0,6% (p/v) di estratto di foglie di olivo hanno mostrato la completa distruzione. Questi risultati suggeriscono un potenziale antimicrobico per le foglie di olivo.

Titolo: Oleuropeina responsabile dei maggiori effetti antiinfiammatori dell’estratto di foglie di ulivo

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2017

Abstract: Le foglie di olivo sono ricche di composti polifenolici che sono noti per avere attività antiossidante, antimicrobica e antinfiammatoria. Pertanto, l'estratto di foglie di olivo (OLE) è considerato un integratore naturale. In questo studio abbiamo valutato in vitro l'effetto antibatterico e anti-infiammatorio di OLE e dei suoi singoli componenti fenolici. Le cellule polimorfonucleate (PMNC) sono state isolate dal sangue utilizzando la soluzione di Histopaque e coltivate in terreno arricchito con RPMI. Il fattore α (TNFa) del fattore di necrosi tumorale è stato determinato mediante ELISA dopo 24 ore di stimolazione con lipopolisaccaride. Abbiamo riscontrato una significativa riduzione del livello di secrezione di TNFa nella coltura di PMNC trattati con OLE. L'oleuropeina è l'unico componente OLE che ha mostrato effetti anti-infiammatori a una concentrazione di 20 μg / mL. Inoltre, OLE ha esibito attività antibatterica contro alcuni ceppi batterici gram-positivi; tuttavia, i ceppi batterici gram-negativi erano resistenti agli OLE. La diminuzione della secrezione di TNFa nella coltura di PMNC in risposta al trattamento OLE indica che questo estratto ricco di polifenoli ha un effetto antinfiammatorio e l'oleuropeina è la principale componente dell’estratto di foglie d’olivo responsabile di questo effetto. L'attività antibatterica di OLE è limitata ai batteri gram-positivi.

Titolo: L'estratto di foglie di olivo (Olea europaea) previene la gastrite da HC1 / etanolo nei ratti, attenuando l'infiammazione e aumentando le attività degli enzimi antiossidanti

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2017

Abstract: La gastrite è prevalentemente caratterizzata dall’infiammazione dello strato epiteliale del rivestimento e la gastrite cronica è considerata una lesione pre-cancro. Per molti secoli la foglia di oliva (Olea europaea) è stata utilizzata per il suo potenziale salutare, tuttavia, fino ad oggi, gli effetti gastroprotettivi delle foglie di ulivo non sono stati ancora studiati. Quindi, in questo studio abbiamo studiato se l'estratto di foglie di olivo (OLE) potrebbe proteggere la mucosa gastrica dal danno mucoso gastrico indotto da HCl/etanolo nei ratti. La somministrazione di Hcl/etanolo ha causato un danno significativo alla mucosa gastrica, come confermato dall'indice dell'ulcera gastrica e dalla valutazione istologica. Tuttavia, questo danno è stato largamente prevenuto pre-somministrando 20 mg/kg di omeprazolo o 100 mg/kg di OLE. È interessante notare che il danno è stato completamente impedito dalla pre-somministrazione di OLE da 200 e 300 mg/kg. Inoltre, l'OLE ha attenuato la risposta infiammatoria diminuendo il fattore nucleare κB (NF-κB), la cicloossigenasi-2 (COX-2) e il fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α) e l'ossido nitrico (iNOS ) e interleuchina-1β (IL-1β) nella mucosa gastrica. Il meccanismo gastroprotettivo di OLE ha comportato la promozione di molecole enzimatiche e non enzimatiche (superossido dismutasi, catalasi, glutatione perossidas e forma ridotta di glutatione), promuovendo l'espressione di mRNA fattore 2 correlato eritroide 2 fattore correlato (Nrf2), perossidazione e prevenzione dei lipidi la sovrapproduzione di ossido nitrico. Insieme, i nostri risultati hanno chiaramente dimostrato che l'OLE potrebbe prevenire la gastrite da HC1/etanolo attenuando l'infiammazione e lo squilibrio ossidante/antiossidante. In conclusione, l'estratto di fogli di olivo potrebbe potenzialmente essere utile come terapia naturale per la gastrite.

Titolo: Effetto di riduzione della pressione arteriosa di un estratto di foglie di olivo nell'ipertensione indotta da L-NAME nei ratti

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2002

Abstract: Un estratto di foglie di ulivo preparato appositamente (EFLA 943) è stato testato per la sua attività di riduzione della pressione arteriosa nei ratti resi ipertesi con dosi orali giornaliere di L-NAME (estere metilico NG-nitro-L-arginina, 50 mg / kg) per almeno 4 settimane. La somministrazione orale dell'estratto a diversi dosaggi contemporaneamente a L-NAME per un periodo di 8 settimane ha mostrato un effetto profilattico dose-dipendente contro l'aumento della pressione arteriosa indotto da L-NAME, i migliori effetti indotti da una dose di 100 mg/kg dell'estratto. Nei ratti precedentemente resi ipertesi da L-NAME per 6 settimane e trattati successivamente con quella dose dell'estratto per ulteriori 6 settimane senza interruzione del L-NAME, è stata osservata la normalizzazione della pressione arteriosa. I risultati confermano le precedenti relazioni sugli effetti ipotensivi della foglia di ulivo. L'effetto antipertensivo dell'estratto può essere correlato a una varietà di fattori che coinvolgono l'inversione dei cambiamenti vascolari coinvolti nell'ipertensione indotta da L-NAME.


Titolo: Effetti antiipertensivi dell'estratto di foglie di ulivo arricchito di oleuropeina in ratti spontaneamente ipertesi

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2016

Abstract: Sono stati valutati gli effetti del consumo costante dell'estratto di foglie di ulivo arricchito di oleuropeina (15% peso/peso) (OLE) sulla pressione arteriosa, sulla funzione endoteliale e sullo stato ossidativo e infiammatorio vascolare nei ratti spontaneamente ipertesi (SHR). Dieci ratti Wistar Kyoto (WKY) e venti SHR sono stati assegnati in modo casuale a tre gruppi: un gruppo di controllo WKY, un gruppo SHR di controllo e un gruppo SHR trattato con OLE (30 mg kg (-1)) per 5 settimane. La somministrazione a lungo termine di OLE ha ridotto la pressione sanguigna sistolica, la frequenza cardiaca e l'ipertrofia cardiaca e renale. Il trattamento con OLE ha invertito il rilassamento aortico dipendente dall'endotelio verso l'acetilcolina. OLE ha ripristinato la fosforilazione di eNOS a Ser-1177 e Thr-495 e ha aumentato l'attività di eNOS. OLE ha eliminato i maggiori livelli di aossido superossido e ridotto l'elevata attività della NADPH ossidasi, come risultato della riduzione dei livelli di mRNA di NOX-1 e NOX-2 in SHR. OLE ha ridotto l'espressione vascolare TLR4 potenziata inibendo la chinasi della proteina attivata dal mitogeno (MAPK) con la successiva riduzione di citochine proinfiammatorie. In conclusione, OLE esercita effetti antipertensivi sull'ipertensione genetica correlata al miglioramento della funzione vascolare a causa della riduzione dello stato pro-ossidativo e pro-infiammatorio.


Titolo: Effetto ipotensivo di un estratto di foglie di olivo, studio preliminare

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2015

Conclusioni: Questo studio preliminare riporta per la prima volta l'influenza positiva dell’estratto di foglie di ulivo nella regolazione dell'ipertensione, del tempo di latenza LDL e del profilo lipidico del sangue.


Titolo: Impatto dell'estratto di foglie di ulivo ricco di fenoli sulla pressione sanguigna, sui lipidi plasmatici e sui marcatori infiammatori

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2017

Conclusioni: I nostri risultati supportano ricerche precedenti, suggerendo che l'assunzione di estratto di foglie di ulivo genera effetti ipotensivi e ipolipemizzanti in vivo.

Titolo: L'estratto di foglie di olivo previene la comparsa spontanea di steatosi epatica non alcolica nei ratti

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2010

Obiettivo: Lo stress ossidativo può giocare un ruolo importante nella patogenesi della steatoepatite non alcolica (NASH). L'oleuropeina, costituente attivo delle foglie di olivo, possiede attività antiossidante, ipoglicemizzante e ipolipidemica. Abbiamo mirato a studiare gli effetti preventivi dell'estratto di foglie di olivo sull'accumulo di grasso epatico in un modello di ratto della NASH.

Conclusione: I nostri dati suggeriscono che l'estratto di foglie di olivo può aiutare a prevenire la patogenesi della steatoepatite non alcolica, presumibilmente attraverso la sua attività antiossidante.

Titolo: Effetti dei costituenti delle foglie d'olivo sul danno ossidativo del miocardio e aterosclerosi.

Fonte: National Center for Biotechnology Information (Pubmed)

Anno: 2015

Abstract: La foglia di oliva (Olea europaea) è considerata un'importante medicina erboristica tradizionale utilizzata contro le malattie infettive e per il trattamento del diabete e dell'ipertensione. Inoltre, i costituenti della foglia di olivo sono stati correlati alla cardioprotezione, probabilmente a causa della loro associazione con gli effetti di modulazione cellulare. La patogenesi di alcune malattie comuni, incluse quelle del sistema cardiovascolare, coinvolge lo stress ossidativo e l'infiammazione dei tessuti. I composti polifenolici d'oliva e delle sue foglie, come l'oleuropeina, l'idrossitirosolo o il tirosolo, possiedono effetti antiossidanti, antinfiammatori, antiarterosclerotici, anti-ischemici e ipolipememici sul miocardio come dimostrato da vari studi in vitro e in vivo. In questo articolo di revisione, riassumiamo le attuali conoscenze sul ruolo dei costituenti della foglia di olivo nella prevenzione della disfunzione cardiaca e evidenziamo le prospettive future nel loro uso nelle terapie come agenti cardioprotettivi.